La Rete ti dice chi sei

lascia una traccia nella grande memoria collettiva

Posts Tagged ‘codice del consumo

GRANBAZAAR.IT: 40 giorni e ancora nessun rimborso

with 9 comments

granbazaar.it

La mia vicenda con GRANBAZAAR.IT: aggiornamento del 31 agosto (la storia completa parte da qui)

ATTENDO IL RIMBORSO DA ORMAI QUARANTA GIORNI. PROSSIMA DATA UTILE STANDO ALLE ULTIME NOTIZIE: 3 SETTEMBRE 2o1o.

…e l’obiettivo fotografico che per me non c’era è sempre stato in vendita nel negozio, alle stesse condizioni! Ma non mi era stato detto che non era disponibile?

A seguito dell’ennesimo mio sollecito, il 23 agosto ho ottenuto una risposta dal venditore alla mia richiesta di conoscere una data certa per essere rimborsato (il rimborso sarebbe dovuto avvenire entro 30 giorni, quindi il 21 agosto scorso):

Gentilissimo Sig. xxxxx,
evaderemo la sua pratica entro venerdì 03 Settembre.
Qualora non riuscissimo a recuperare le sue coordinate di pagamento le
chiederei gentilmente di volerci mandare il suo iban con relativo
intestatario del conto a maggior tutela del buon esito, in un modo o
nell’altro, del suo rimborso.

Siamo sinceramente dispiaciuti del disagio arrecatole
Cordiali saluti

(non firmato)

Il sempre crescente numero di messaggi e commenti che sto ricevendo a proposito del venditore GRANBAZAAR S.r.l. (www.granbazaar.it) mi sorprende: descrivono decine di situazioni in tutto e per tutto identiche alla mia.

La sequenza dei fatti, stando a quanto ho potuto leggere fin’ora, è solitamente questa:

  • il cliente acquista dal sito un articolo a un prezzo decisamente vantaggioso, solitamente il più basso se confrontato a altri venditori operanti on-line nello stesso settore;
  • il venditorese non è in grado di reperire l’articolo (il che sta avvenendo spessissimo, almeno negli ultimi mesi, vista la mole di lamentele trovate ovunque sul web) – dopo una certa attesa comunica via email la momentanea indisponibilità dell’oggetto, con un messaggio che – confrontato in seguito con altri – si è spesso rivelato un “copia-incolla” (il copia-incolla è legittimo, ma è un indizio della recente sistematicità con la quale questi problemi occorrono) recante una prima proposta di consegna dell’articolo a una data che solitamente è posta a un mese dall’ordine;
  • il venditore invia una ulteriore comunicazione nella quale informa il cliente di aver avuto problemi con il suo fornitore e propone al cliente una ulteriore attesa, che solitamente si rivela di altro mese. In alternativa propone al cliente di chiedere il rimborso. Attenzione: non propone al cliente il rimborso, ma propone al cliente di chiedere il rimborso (non è un dettaglio, infatti i tempi per legge cambiano…ndr).
  • Il cliente perde pazienza e fiducia e chiede il rimborso. Il venditore accetta la richiesta e comunica che questo avverrà entro i termini del contratto di acquisto, ovvero al più presto e nel termine massimo di 30 giorni.
  • I trenta giorni magari passano (sta succedendo un pò troppo spesso, chi si è informato lo sa) e il cliente non riceve nulla, nè rimborso nè una spontanea comunicazione del ritardo da parte del venditore (solitamente in questa fase comunicano i ritardi solo dietro sollecito del cliente), come è successo a me. Allora il cliente inizia a inviare email dai toni sempre più accesi fino a arrivare alla minaccia di denuncia alle autorità competenti, che solitamente non avviene per motivi vari, tutti più o meno compresi tra la volontà di credere alle promesse fatte e il sospetto di essere gli unici “sfortunati” a cui è capitata una azienda non proprio puntualissima nell’evasione delle pratiche.
  • Il venditore risponde ai solleciti del cliente con email cortesi e dai toni distaccati, scusandosi (tanto le email non costano nulla) innumerevoli volte per il ritardo accumulato e per il disagio subito, ma di fatto non provvede a tener fede agli obblighi contrattuali con l’aggravante che – ATTENZIONE – CONTINUA A VENDERE LO STESSO ARTICOLO (lo stesso con i dichiarati problemi di reperibilità!) SEMPRE CON CONSEGNA “SOLITAMENTE IN 5-10 GIORNI LAVORATIVI”, CON TANTO DI LED VERDE A FIANCO, NONOSTANTE COMUNICHI PRIVATAMENTE AL CLIENTE L’INDISPONIBILITA’ IMMEDIATA DELLO STESSO E SIA PERFETTAMENTE CONSAPEVOLE DI NON POTER EVADERE LE RICHIESTE NEI TEMPI DESCRITTI.

Così facendo il venditore viola esplicitamente la norma al Capo II, Pratiche commerciali scorrette, alla sezione I, paragrafo “e” del Codice del Consumo (http://www.codicedelconsumo.it/index.php?option=com_content&view=article&id=51&Itemid=55)

Pratiche commerciali considerate in ogni caso ingannevoli

Articolo 23:

1. Sono considerate in ogni caso ingannevoli le seguenti pratiche commerciali:

a) OMISSIS

b) OMISSIS

c) OMISSIS

e) invitare all’acquisto di prodotti ad un determinato prezzo senza rivelare l’esistenza di ragionevoli motivi che il professionista puo’ avere per ritenere che non sara’ in grado di fornire o di far fornire da un altro professionista quei prodotti o prodotti equivalenti a quel prezzo entro un periodo e in quantita’ ragionevoli in rapporto al prodotto, all’entita’ della pubblicita’ fatta del prodotto e al prezzo offerti;

L’articolo vieta espressamente di trarre vantaggio dall’esporre prezzi troppo competitivi di beni che non si possiedono in quel dato momento e che comunque presentano una conosciuta difficoltà di approvvigionamento per indurre il cliente più facilmente all’acquisto.

————————————————————————————————————————-

Le pratiche commerciali scorrette e in ogni caso ingannevoli rientrano nei comportamenti interessati dall’articolo 49 della legge n.99/09, pubblicata sulla GU n. 176 del 31 luglio 2009, che riguarda la possibilità di avvalersi di una azione legale collettiva (detta anche azione di classe) da parte di utenti o consumatori aventi gli stessi diritti contrattuali e che versano tutti in una stessa situazione. (vedi post precedente)

L’azione infatti tutela:

a) i diritti contrattuali di una pluralità di consumatori e utenti che versano nei confronti di una stessa impresa in situazione identica, inclusi i diritti relativi a contratti stipulati ai sensi degli articoli 1341 e 1342 del codice civile;

b) i diritti identici spettanti ai consumatori finali di un determinato prodotto nei confronti del relativo produttore, anche a prescindere da un diretto rapporto contrattuale;

c) i diritti identici al ristoro del pregiudizio derivante agli stessi consumatori e utenti da pratiche commerciali scorrette o da comportamenti anticoncorrenziali.

————————————————————————————————————————-

questo nella foto a destra è l’obiettivo da me acquistato il 6 giugno e che è sempre stato in vendita, dal quel giorno fino a tutto oggi, mentre io ricevevo la notizia dal venditore della sua indisponibilità:

Dal giorno dell’acquisto (e del pagamento, visto che l’unica forma di pagamento accettata è quella anticipata), fino a tutta la giornata di oggi il venditore dispone dei soldi del cliente, approfittando di una situazione di vantaggio chiaramente non corretta.

Non è mia intenzione parlar male di Granbazaar in maniera gratuita. Non conosco personalmente il titolare o i titolari di questa azienda, anche se ne conosco i nomi, che vengono fuori senza chiedere a nessun’altro se non a Google, effettuando una ricerca sulla loro società. Essi sono anche su facebook.

Non guadagno nulla da questo blog. Non c’è nemmeno la pubblicità. Non sono un Blogger, uno che ha fatto dello scrivere il suo mestiere.

Non sono un commerciante, non sono un loro concorrente. Sono solo un cliente che ci è rimasto molto male, che vuole indietro i suoi soldi, che si è sentito preso in giro, e che vuole sapere se questo modo di vendere, nella maniera in cui è strutturato, sia lecito o no.

Quello che penso è che, a meno che questo venditore non fallisca prima (una società può anche fallire, anche se attualmente non ho notizie che me lo facciano sospettare) riavrò i miei soldi. In ritardo, fuori dai termini contrattuali, ma li riavrò, perchè ho senza dubbio ragione e perché farò valere la mia ragione, in ogni luogo sarò chiamato a farlo.

Voglio però capire se la legge davvero permetta a un commerciante di operare in questo modo, in palese violazione del Codice del Consumo, e se l’indignazione di una persona normalissima come me, dal carattere solitamente tranquillo e ben disposto verso gli altri, sia in qualche modo giustificata, e non sia frutto di una anomala e clamorosa svista collettiva.

Fac simile denuncia per truffa per acquisto on-line, presentabile ai Carabinieri o alla Guardia di Finanza

with 36 comments

Esistono centinaia di ottimi commercianti che ogni giorno operano sul mercato con precisione e professionalità, mettendocela davvero tutta per ottenere la soddisfazione del cliente e quindi la sua fiducia.

Ma ogni tanto può accadere di trovarsi di fronte a situazioni spiacevoli, ritardi intollerabili, comunicazioni imprecise o addirittura comportamenti fuori legge. Nel caso ci si rendesse conto di essere stati raggirati da una azienda che vende on-line articoli di qualunque genere, un modo per difendersi e far valere i propri diritti è quello di denunciare il fatto alle autorità competenti, ovvero ai Carabinieri o alla Guardia di Finanza. 

Purtroppo una buona parte delle persone, non possedendo competenze specifiche e esperienza in materia legale, trova difficoltà a redigere da zero un documento simile; e sa bene che rivolgersi a un buon avvocato – sebbene sia sempre la soluzione più saggia e sicura – ha un costo che in alcuni casi potrebbe superare l’importo per il quale crediamo di essere stati raggirati.

In questo caso potrebbe essere utile avere davanti a sè un modello, da personalizzare con i propri dati e i fatti specifici accaduti: eventuali errori o inesattezze – anche di forma – potranno essere discusse con i verbalizzanti al momento dell’esposizione dei fatti, perfezionando quindi il documento prima di essere depositato. Speriamo non averne bisogno mai, ovviamente.

Vi invito a considerare tutte le forze dell’ordine come organi pubblici al nostro servizio, il cui scopo è quello di far rispettare sempre la Legge e raccogliere da parte dei cittadini qualunque notizia o sospetto di infrazione della stessa.

Di seguito, a titolo di esempio, il modello di una denuncia che ha come oggetto l’acquisto on-line con pagamento anticipato di un articolo che si credeva disponibile presso il venditore al momento dell’acquisto; il venditore a distanza di una decina di giorni – e dietro sollecito dello spazientito cliente – comunicava che l’articolo presentava un problema di reperibilità e proponeva lui – per più di una volta – una nuova data per la consegna dello stesso, molto in avanti nel tempo; in alternativa, proponeva al cliente il recesso dell’ordine e quindi il rimborso.

Nel frattempo però l’articolo in questione era ancora disponibile all’acquisto sul sito web del venditore, il quale approfittava della buona fede dell’acquirente e si faceva forte del pagamento anticipato di questi per prendere tempo e ritardare anche il rimborso, che non avveniva entro i termini previsti dalla legge.

———————————————————————————————————————–

DENUNCIANTE: nome e cognome

Il sottoscritto [nome e cognome], nato a [luogo e data di nascita] e residente a [comune di residenza], in via [………..], codice fiscale [xxxxxxxxxxxxxxx]

DENUNCIA

La società [xxxxxxxxxxxx], con sede legale in via [xxxxxxxxxxxx] e con sede operativa in via[xxxxxxxxxxxx], partita IVA [xxxxxxxxxxxx] per non aver eseguito il rimborso di euro [xxxxxxxxxxxx] nei tempi previsti dal contratto di acquisto (giorni 30), a seguito della mancata consegna e quindi del recesso comunicato dall’acquirente al venditore in data [xxxxxxxxxxxx] a mezzo posta elettronica, acquistato on-line sul sito [xxxxxxxxxxxx] e pagato il giorno stesso dell’acquisto a mezzo bonifico/carta credito, avvenuto in data [xxxxxxxxxxxx].

DESCRIZIONE DEI FATTI

Il giorno [xxxxxxxxxxxx] acquistavo sul sito web [xxxxxxxxxxxx] l’articolo [xxxxxxxxxxxx], per un valore di euro [xxxxxxxxxxxx]. Pagavo immediatamente, a mezzo carta di credito/bonifico. Al momento dell’acquisto, il tempo di consegna indicato era di[xx] giorni lavorativi, come per molte altre cose in vendita sul sito, e un led verde a fianco dell’articolo lasciava chiaramente intendere che l’oggetto era disponibile immediatamente o che comunque non presentava problemi di disponibilità.
Per la spedizione, sceglievo di ricevere l’articolo a mezzo [xxxxxxxxxxxx]. Il giorno [xxxxxxxxxxxx], a [xx] giorni dall’ordine – senza aver avuto ancora nessuna notizia da parte del venditore relativa a problemi di reperibilità dell’articolo da me acquistato – pensavo bene di inviare una comunicazione a mezzo email per sapere a che punto fosse la lavorazione dell’ordine.

Di seguito, ottenevo questa risposta, che cito integralmente:

Citare la comunicazione email

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx

xxxxxxxxx

Dopo alcuni giorni, controllando lo stato dell’ordine sul sito, verificavo che la spedizione era stata finalmente prevista per il giorno [xxxx]. Quel giorno, un lunedì, non arrivava nessun corriere a consegnarmi l’articolo. Rassegnato, attendevo ancora altri [xx] giorni; quindi inviavo una nuova email di sollecito per avere almeno una nuova, indicativa data di consegna.

In data [xxxx] inviavo un nuovo sollecito, sempre a mezzo posta elettronica, dove chiedevo una data certa per la consegna dell’oggetto da me acquistato in data [xxxx].

Ricevevo questa risposta:

[esempio di comunicazione email che propone il recesso e quindi il rimborso]

Gentile Cliente,
Ci dispiace informarvi che [xxxxxxxx].
Le comunichiamo che la consegna è prevista entro il [xxxxx] come indicazione da parte del nostro fornitore principale. Se fosse invece intenzionato a disdire l’ordine può mandare tranquillamente una e-mail al nostro staff del recesso all’indirizzo [xxxxxxxxxxxx]
Rimaniamo a vostra completa disposizione.

Il venditore mi proponeva una nuova data di consegna, in data [xxxx]. Considerando che il mio acquisto era avvenuto in data [xxxxxxxxxxxx], il ritardo complessivo ammontava a circa [xxxx]. In alternativa, mi veniva proposto di chiedere il rimborso, che avrebbe richiesto una attesa massima di giorni 30.

Il Codice del Consumo, infatti, all’articolo 67 (ulteriori obbligazioni delle parti), infatti recita:

4.Se il diritto di recesso e’ esercitato dal consumatore conformemente alle disposizioni della presente sezione, il professionista e’ tenuto al rimborso delle somme versate dal consumatore, ivi comprese le somme versate a titolo di caparra. Il rimborso deve avvenire gratuitamente, nel minor tempo possibile e in ogni caso entro trenta giorni dalla data in cui il professionista e’ venuto a conoscenza dell’esercizio del diritto di recesso da parte del consumatore. Le somme si intendono rimborsate nei termini qualora vengano effettivamente restituite, spedite o riaccreditate con valuta non posteriore alla scadenza del termine precedentemente indicato.

(http://www.codicedelconsumo.it/index.php?option=com_content&view=article&id=52&Itemid=56)

Il venditore quindi, invitandomi a chiedere il rimborso e non offrendomelo invece a titolo di risarcimento per tutto il disagio arrecatomi, approfittava del più lungo tempo di attesa previsto per legge; sarebbe stato chiaramente opportuno da parte del venditore – che era nel difetto di non possedere l’articolo vendutomi come disponibile – offrire egli stesso il rimborso. Così facendo, il venditore guadagnava ancora 15 giorni di tempo per effettuare il rimborso. Nel caso infatti fosse stato il venditore a proporre il rimborso, i giorni di attesa massima si sarebbero infatti per legge ridotti a 15.

A questo punto, venendo meno da parte mia il rapporto di fiducia con il venditore, decidevo di ufficializzare la richiesta di rimborso con una lettera di messa in mora, spedita con raccomandata con ricevuta di ritorno.

PRATICHE COMMERCIALI SCORRETTE E IN OGNI CASO INGANNEVOLI

Il sottoscritto ravvisa la presenza di pratiche commerciali scorrette e in ogni caso ingannevoli da parte del venditore. Esiste infatti corrispondenza tra quello che afferma l’articolo 23 del Codice del Consumo e il modus operandi del venditore in oggetto.

L’articolo in questione vieta espressamente di trarre vantaggio dall’esporre prezzi troppo competitivi di articoli che non si possiedono al momento e che comunque presentano una certa difficoltà di approvvigionamento, per indurre il cliente all’acquisto approfittando della sua buonafede.

Il Codice del Consumo, nel Capo II, Pratiche commerciali scorrette, alla sezione I, paragrafo e, recita: 

Pratiche commerciali considerate in ogni caso ingannevoli Articolo 23:

1. Sono considerate in ogni caso ingannevoli le seguenti pratiche commerciali:

a) OMISSIS

b) OMISSIS

c) OMISSIS

e) invitare all’acquisto di prodotti ad un determinato prezzo senza rivelare l’esistenza di ragionevoli motivi che il professionista puo’ avere per ritenere che non sara’ in grado di fornire o di far fornire da un altro professionista quei prodotti o prodotti equivalenti a quel prezzo entro un periodo e in quantita’ ragionevoli in rapporto al prodotto, all’entita’ della pubblicita’ fatta del prodotto e al prezzo offerti;

(http://www.codicedelconsumo.it/index.php?option=com_content&view=article&id=51&Itemid=55)

Ad avvalorare la tesi della pratica commerciale scorretta utilizzata con frequenza ci sono le tantissime testimonianze di altri clienti, che su numerosi “blog” o “forum di discussione” lamentano gli stessi problemi da me riscontrati col venditore in questione. Non è affatto difficile trovarne su internet, digitando su un qualunque motore di ricerca il nome del venditore come parola chiave.

Inoltre, a ulteriore riprova della malafede del venditore, c’è il fatto che l’articolo in questione, dal giorno dell’acquisto a tutt’oggi, risulta DISPONIBILE per l’acquisto on-line alle stesse condizioni che in forma privata sono state negate.

PER TUTTO QUANTO SOPRA DESCRITTO IL SOTTOSCRITTO

ritiene di essere stato vittima di un raggiro da parte dei responsabili della società xxxxxxxxxxx e chiede che venga instaurato un procedimento penale onde ottenere la loro punizione secondo i termini di Legge nei confronti delle persone che si ritenessero responsabili dei fatti. Chiede inoltre il risarcimento dei danni subiti in conseguenza dei fatti esposti.

[opzionale] Alla presente si allega la lettera di messa in mora spedita con raccomandata A/R indirizzata alla società xxxxxxxxx recante data xxxxx e ricevuta dal signor xxxxxxxxxxx in data xxxxxxxxxx. Si allegano inoltre copie delle comunicazioni email intercorse tra le parti dall’inizio del contratto di acquisto a oggi, dalle quali si evince la conferma di avvenuto pagamento dell’articolo acquistato e i solleciti inviati per la mancata ricezione dello stesso da parte dell’acquirente.

Luogo e Data                                                                                                            In fede [nome e cognome]

Written by Bartleby

27 agosto 2010 at 10:40

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: