La Rete ti dice chi sei

lascia una traccia nella grande memoria collettiva

Posts Tagged ‘delusione

Chiedere l’aiuto della Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (Antitrust)

with 2 comments

(questo post è l’aggiornamento a questo articolo: leggi la storia dell’inizio, oppure leggi questo più recente)

Come l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato può aiutare il consumatore a difendersi dalle pratiche commerciali scorrette.

Viene definita scorretta la pratica commerciale che è “contraria alla diligenza professionale, ed è falsa o idonea a falsare in misura apprezzabile il comportamento economico, in relazione al prodotto, del consumatore medio che essa raggiunge o al quale è diretta o del membro medio di un gruppo qualora la pratica commerciale sia diretta a un determinato gruppo di consumatori” (art. 20, comma 2, del Codice del consumo).

Vengono poi distinti due tipi di pratiche commerciali scorrette. Da un lato, vi sono le “pratiche ingannevoli”, che possono consistere di “azioni ingannevoli” o di “omissioni ingannevoli”. Azioni od omissioni sono considerate ingannevoli nella misura in cui inducono il consumatore medio ad assumere decisioni che altrimenti non avrebbe preso. Dall’altro lato, vi sono le “pratiche aggressive”, intese come quelle che inducono il consumatore medio ad assumere decisioni di natura commerciale che diversamente non avrebbe assunto mediante molestie, coercizione o altre forme di indebito condizionamento.

La nuova disciplina, inoltre, individua specificamente una serie di pratiche ingannevoli e di pratiche aggressive che sono considerate tali di per sé, senza il bisogno di dimostrare la loro idoneità a falsare le scelte del consumatore. (tratto dal sito http://www.agcm.it/)

granbazaar.itDa mesi questo blog segnala (leggi) il comportamento scorretto da parte del venditore Granbazaar.it (http://www.granbazaar.it), denunciandone la condotta commerciale scorretta. La società Granbazaar s.r.l. nonostante le centinaia di segnalazioni alle autorità competenti continua imperterrita a proporre articoli a prezzi allettanti, esponendo una consegna che solitamente (attenzione!!) avviene in 5-10 giorni.

L’esperienza reale ci dice invece che in rete esiste un esercito di CLIENTI FURIOSI che dopo aver pagato anticipatamente rimangono impigliati in una serie di mancate consegne, promesse non mantenute e email di scuse.

E’ POSSIBILE DIFENDERSI!

Difenderi è possibile, anche attraverso la segnalazione al numero verde 800.166.661

Il numero è attivo dal lunedì al venerdì, dalle ore 10:00 alle ore 14:00

Di seguito la risposta del Garante della Concorrenza e del Mercato alla segnalazione di uno dei tanti malcapitati clienti di Granbazaar.it:

A partire da lunedì 12 novembre 2007, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha attivato uno speciale numero verde gratuito (800166661) per i consumatori che volessero segnalare presunti casi di pratiche commerciali scorrette, pubblicità ingannevole e occulta. A queste segnalazioni, laddove si riscontrassero profili effettivamente rilevanti ai sensi della normativa vigente, faranno seguito specifici approfondimenti istruttori da parte degli uffici del Garante. Il call center, attivo in fase sperimentale dal lunedì al venerdì dalle ore 10 alle ore 14, dipende dalla Direzione Generale Tutela del Consumatore e sarà in contatto con la Direzione Relazioni Esterne e la Segreteria di Gabinetto dell’Autorità. Il nuovo servizio rientra nelle iniziative adottate dall’Antitrust a seguito dell’entrata in vigore dei due decreti legislativi che ne hanno ampliato competenze e poteri in materia di pubblicità ingannevole e pratiche commerciali scorrette (tra le principali novità, la possibilità di aprire un’istruttoria d’ufficio, il rafforzamento dei poteri ispettivi anche con l’ausilio della Guardia di Finanza e l’aumento delle sanzioni, il cui tetto massimo è passato da 100.000 a 500.000 euro).

Oltre al numero verde, utile per far sentire la propria voce, segnalare il proprio problema e riceve consigli utili, è possibile anche mettere per iscritto la propria denuncia.

Scarica il modello di segnalazione in materia di tutela del consumatore e di pubblicità ingannevole e comparativa: puoi scaricare il modello qui o direttamente dal sito http://www.agcm.it/

Una volta compilato, puoi inviare la denuncia per posta o fax a:

Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato
Piazza Verdi, 6/a
00198 Roma
tel. 06858211 – fax 0685821256

I poteri dell’Autorita

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, in base alla nuova disciplina, può, sia per le pratiche commerciali scorrette che per la pubblicità ingannevole e comparativa, avviare i procedimenti anche d’ufficio, ossia senza attendere segnalazioni esterne. Ha poteri investigativi, che comprendono la possibilità di accedere a qualsiasi documento pertinente, di richiedere a chiunque informazioni e documenti pertinenti con la facoltà di sanzionare l’eventuale rifiuto o la trasmissione di informazioni e documenti non veritieri, di effettuare ispezioni, di avvalersi della Guardia di finanza, di disporre perizie.

Una volta accertata la violazione l’Autorità può inibirne la continuazione, disporre la pubblicazione di dichiarazioni rettificative a spese dell’impresa responsabile e irrogare una sanzione pecuniaria che va da 5.000 a 500.000 euro. Se la pratica riguarda prodotti pericolosi o può minacciare, anche indirettamente, la sicurezza di bambini o adolescenti la sanzione minima è di 50.000 euro. In caso di inottemperanza ai provvedimenti dell’Autorità la sanzione va dai 10.000 ai 150.000 euro.

E’ previsto l’istituto degli impegni: ad eccezione dei casi di manifesta scorrettezza e gravità, l’Autorità potrà rinunciare all’accertamento dell’infrazione se l’impresa si impegna a eliminare i profili di illegittimità rilevati nella pratica commerciale.

un acquisto lungo tre mesi. 42 giorni per riavere i soldi. Il sistema “Granbazaar”: come ti organizzo l’ecommerce all’italiana

with 13 comments

granbazaar.it

Aggiornamento sulla vicenda Granbazaar (www.granbazaar.it)

(per comprendere la storia leggi tutto dall’inizio)

6 giugno – 2 settembre: una parabola di 3 mesi per riavere i miei soldi, tra disperate richieste di informazioni via email, inutili e costose attese al telefono, promesse di consegna non mantenute, la messa in mora e una denuncia per truffa alla Guardia di Finanza.

IL TUTTO CON I  SOLDI DEL CLIENTE IN TASCA.

2 settembre 2010: ho finalmente ricevuto il rimborso. A tre mesi dall’acquisto e dopo 42 giorni dalla mia richiesta di rimborso (per legge il rimborso doveva avvenire al più presto e comunque non oltre i 30 giorni) Granbazaar.it ha riaccreditato i soldi sulla mia carta di credito, dopo avermi chiesto diverse volte i dati per effettuare un bonifico bancario (boh???). Tre mesi. Un tempo lunghissimo. E dire che io ho pagato con un semplice click. Una volta sono addirittura riuscito a parlare col mitico Federico “gestione ordini”! quasi non volevo crederci!

E NEL FRATTEMPO L’ARTICOLO DA ME ACQUISTATO – CHE PER ME NON ERA DISPONIBILE – E’ SEMPRE STATO IN VENDITA SUL SITO. DISPONIBILITA’ 5-10 GIORNI!

QUANTI ALTRI CI SARANNO CASCATI?

QUANTI ALTRI HANNO PAGATO IN ANTICIPO?

NON E’ UNA TRUFFA QUESTA?

IL CODICE DEL CONSUMO LA CHIAMA PRATICA COMMERCIALE SCORRETTA.

l’articolo 23 del codice del consumo vieta in maniera esplicita e inequivocabile di trarre vantaggio dall’esporre prezzi troppo competitivi di beni che non si possiedono in quel dato momento e che comunque presentano una conosciuta difficoltà di approvvigionamento per indurre il cliente più facilmente all’acquisto.

GIA’ SOLO SCRIVENDO LA PAROLA “GRANBAZAAR”, GOOGLE PROPONE LA RICERCA COMBINATA CON LA PAROLA “TRUFFA”

Questi furbi non hanno considerato che la rete sbugiarda tutti prima o poi.  avete mai provato a scrivere la parola GRANBAZAAR  su Google per vedere cosa esce fuori? avete idea di quanta gente incazzata c’è in giro per la rete??

Il giorno 2 settembre 2010 ho ricevuto da Granbazaar la seguente comunicazione:

Gentile cliente,

abbiamo provveduto ad evadere la sua pratica di rimborso. L’esborso sarà disponibile direttamente sulla carta di credito da lei utilizzata per il pagamento dell’ordine. La disponibilità economica è contestuale allo storno , ma potrà visualizzarlo solo nel proprio estratto conto del mese successivo. Le tempistiche di verifica sono indipendenti dalla Granbazaar srl e da imputare esclusivamente alle banche.

Cordiali saluti.

Cordiali Saluti
www.granbazaar.it

Già…cordiali saluti.

Intanto Granbazaar continua con le sua condotta scorretta, lascia che i clienti abbocchino ai prezzi bassi, intasca i loro soldi in anticipo e poi…e poi?

E poi se ci riescono ti mandano quello che hai acquistato. Altrimenti ti metti in coda, aspetti qualche mese che ti restituiscano i soldi CHE GLI HAI PRESTATO, CON I QUALI HANNO FATTO UN GRANDE ORDINE A UN BUON PREZZO DA QUALCHE VENDITORE ESTERO PER SODDISFARE I CLIENTI PIU’ FORTUNATI DI TE.

HAI PRESTATO I TUOI SOLDI A GRANBAZAAR A TASSO ZERO PER UN PAIO DI MESI, FORSE TRE. IN FONDO E’ BRAVA GENTE: ALLA FINE TI RIMBORSANO, DOPO CHE HANNO SISTEMATO I LORO AFFARI.

gentile cliente…cordiali saluti.

E ci vediamo presto. Magari in tribunale.

——————————————————————————————————————–

AGGIORNAMENTO: è nato un nuovo muro del pianto dei turlupinati da Granbazaar.it

E’ on-line all’indirizzo: http://granbazaar.is-very-bad.org

Raccoglie un numero sempre crescente di adesioni da parte di clienti FURIBONDI, che espongono i fatti loro accaduti e cercano consigli su come difendersi dai nostri ormai celeberrimi venditori.

In questo blog e su questo nuovo sito trovate tutte le informazioni per tutelare i vostri diritti di consumatori.

E se avete letto questo blog fino a queste ultime righe, significa che ne avete bisogno.

Written by Bartleby

17 settembre 2010 at 16:56

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: